.
Annunci online

Gaypride 2010: i GD lombardi aderiscono alla manifestazione di Milano
post pubblicato in >> Omofobia e Diritti, il 10 giugno 2010
I Giovani Democratici della Lombardia aderiscono al Gay Pride del 12 Giugno a Milano, in continuità con l'impegno dimostrato a portare avanti le tematiche relative ai Diritti Civili nel nostro Paese. In Italia stiamo assistendo all'aumentare delle violenze a sfondo omofobo: ogni giorno offese, insulti e prevaricazioni sono una realtà quotidiana per molti omosessuali e transessuali. Devono essere messe a punto al più presto azioni di lotta contro le discriminazioni sul lavoro, che spesso costringono donne e uomini a fingere un'esistenza diversa per poter avere maggiori garanzie di inserimento o di mantenimento del posto: è gravissimo che in un Paese che si proclama civile si costringano persone a scegliere tra la sopravvivenza e la propria dignità. Oltre a non essere tutelate a sufficienza queste persone non possono nemmeno veder riconosciute le loro unioni: i Giovani Democratici si sono sempre impegnati affinché si creassero spazi di dibattito sulle unioni civili, perché finalmente in Parlamento si legiferi in merito. Per tutte queste motivazioni aderiamo alla manifestazione di Milano e ci impegniamo a continuare il nostro percorso politico su questi temi.


1 marzo - sciopero dei lavoratori stranieri: i GD lombardi aderiscono
post pubblicato in >> Immigrazione, il 22 febbraio 2010

I Giovani Democratici della Lombardia aderiscono allo sciopero dei lavoratori stranieri, indetto in tutta Italia per il prossimo primo Marzo. “La nostra Regione, con la sua alta presenza di stranieri provenienti dall’Europa e dagli altri continenti dovrebbe essere un laboratorio eccezionale di sviluppo culturale e integrazione” - dichiara Silvia Gadda, Segretaria dei Giovani Democratici della Lombardia - “invece si respira un clima di tensione sociale e di abbandono da parte delle istituzioni che penalizza le persone che studiano, lavorano e fanno del loro meglio per vivere onestamente. Come Giovani Democratici pensiamo che la pacifica convivenza e la legalità vadano di pari passo con la qualità della vita. La politica” – conclude Gadda – “dovrebbe comportarsi in maniera responsabile ed analizzare queste tensioni per non farle scoppiare, invece vediamo una continua speculazione sul disagio come durante le fiaccolate mediatiche in via Padova a Milano, vergognosamente organizzate da quelle stesse Lega e PDL che da più di 15 anni governano la Regione.”

Non vogliamo abituarci all’idea di vivere in un Paese che si ritrova ad approvare norme sempre più lesive della dignità umana nascondendosi dietro la mistificazione del concetto di sicurezza“ - afferma Caterina Santachiara, responsabile Diritti Civili dei Giovani Democratici a livello lombardo. “Il dibattito politico del nostro Paese, uno degli Stati fondatori dell'Europa, è regredito ai livelli primitivi di convivenza, cercando un nemico comune da combattere, un capro espiatorio, che ci riporta ai tempi della caccia alle streghe. L’unica cosa che si ottiene è lo scatenarsi di una guerra tra poveri, favorita anche dalla crisi economica che stiamo vivendo.”

Giovani Democratici contro l'omofobia
post pubblicato in >> Omofobia e Diritti, il 24 agosto 2009
"Quello che sta succendo negli ultimi giorni a Roma deve farci riflettere e deve spingerci ad una grande azione politica e culturale per fermare la violenza ai danni delle donne e degli uomini omosessuali". A dichiararlo è Fausto Raciti, segretario nazionale dei Giovani Democratici.
"Non solo la violenza fisica è inaccettabile sempre ma quando colpisce per ragioni di intolleranza dobbiamo fermarci e domandarci dove stiamo andando, cosa sta succendo nel profondo del Paese, quali messaggi sbagliati siano passati sotto la pelle degli italiani" continua Raciti.
"A giugno avevamo aderito con convinzione alla piattaforma del Genova Pride proprio perchè avvertivamo il bisogno di dare un segnale chiaro all'Italia della nostra battagllia per la difesa dei diritti di tutti, ora ci sentiamo in dovere di reagire mobilitando tutti i Giovani democratici" dichiara Andrea Pacella, responsabile welfare e saperi dei Giovani democratici.
"Il 5 settembre terremo a Genova, all'interno della Festa Nazionale del Pd, l'attivo dei nostri responsabili dei diritti civili e lì lanceremo una campagna a sostegno del Disegno di Legge del Pd sull'omofobia. Nei mesi di discussione alla Camera e al Senato costruiremo iniziative in giro per l'Italia perchè siamo consapevoli che la partita che stiamo giocando è prima di tutto culturale e per questo invitiamo, fin da ora, il Ministro della Gioventù Giorgia Meloni a spendersi con noi contro l'omofobia" conclude Pacella.
Sfoglia maggio        luglio
calendario
cerca