Blog: http://gdlombardia.ilcannocchiale.it

Scuola di formazione politica dei Giovani Democratici. 1978-2008 'Indietro tutta' controstoria della seconda repubblica.


Dal 16 al 20 dicembre si terrà a Bologna la scuola di formazione sulla seconda repubblica organizzata dai Giovani Democratici.
“L'idea nasce dalla convinzione di una scarsa analisi della storia politica recente di questo paese -dichiara Fausto Raciti, segretario nazionale dei Giovani Democratici.- Pensiamo che le radici della crisi attuale siano da ricercarsi nei trenta anni che abbiamo alle nostra spalle, durante i quali la sinistra ha più di una responsabilità. Sarà forse la prima volta che ci troviamo a riflettere sulla seconda repubblica, senza mitizzarla né demonizzarla.”

“Abbiamo provato a mettere insieme tanti ospiti -dichiara illustrando il programma Carmine Casella, segretario dei Giovani Democratici di Bologna- approfittando anche della grande tradizione accademica che ci offre la città di Bologna. La mattina ed il primo pomeriggio si terranno le lezioni di professori e ricercatori come Marco Tarchi, lo studioso ex-fascista di populismi, Sofia Ventura, che sul sito di FareFuturo lanciò la polemica contro il velinismo, Alberto Melloni, grande storico della chiesa contemporanea, Paolo Morando studioso degli anni '80 e del riflusso, e tanti altri. Nel pomeriggio ed in serata largo invece ai testimoni del trentennio. Alfredo Reichlin e Guido Bodrato, Giuliano Ferrara e Carlo Freccero, Geronimo e Andrea Geremicca, Beppe Vacca e Sergio Matarella”.

“Un programma ricco e sicuramente interessante -aggiunge Mario Castagna, responsabile della formazione politica dei Giovani Democratici-, pensiamo che i partiti debbano tornare ad essere organismi pensanti. Tra corsi sul modello Publitalia e kermesse con tanto di red carpet, la formazione è stata considerata più strumento di propaganda che momento di studio e ricerca. Adesso che ci siamo risparmiati il partito liquido, è ora di mettere da parte anche il pensiero liquido. Quello che non si è capito -conclude Mario Castagna- è che Berlusconi ha messo in campo un progetto politico ben preciso. Sfidarlo con la sola propaganda è come affrontare l'Armata Rossa con una fionda”

Pubblicato il 26/11/2009 alle 16.24 nella rubrica Diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web